Assisi

Assisi è conosciuta per essere la città in cui nacquero, vissero e morirono san Francesco, patrono d’Italia, e santa Chiara. Visitare questa città dell’Umbria, significa fare un viaggio nella storia, alla scoperta di una delle città più antiche e autentiche d’Italia.

Una citazione che ben raccoglie tutta la magia e il misticismo che regala un viaggio ad Assisi è quella di Guido Piovene che dice così “Assisi, come tante città dell’Umbria, ma forse in misura maggiore, dà la felicità che deriva dalla grazia e dalla perfezione di tutto quello su cui posano gli occhi, senza che nulla di stridente si intruda a interrompere la contemplazione ed a guastare l’abbandono”. 

Assisi è senza dubbio una delle mete da non perdere nel vostro viaggio alla scoperta dell’Umbria, è uno dei borghi più belli della provincia di Perugia da scoprire con lentezza, passeggiando per le stradine lastricate su cui affacciano edifici in pietra, ammirandone i luoghi sacri e le meravigliose vedute.

Nonostante sia relativamente piccola sono tante le attrazioni da visitare sia religiose che non. Per visitare la città bastano uno o due giorni, se state organizzando un weekend fuori porta è una delle mete perfette per qualche giorno.

Cosa c’è da visitare ad Assisi? La visita non può che iniziare dal suo simbolo e da quello che Assisi evoca, la Basilica di San Francesco che domina il Monte Subasio e che è composta da due chiese sovrapposte e una cripta dove sono custodite le spoglie del Santo. La chiesa, oltre ad essere uno dei più importanti monumenti medievali giunti fino a noi, è anche una importante testimonianza dell’arte italiana, conserva affreschi ed opere dei più grandi pittori del ‘300 come Giotto, Cimabue, i Lorenzetti. La Chiesa superiore, caratterizzata da una facciata gotica, custodisce incredibili affreschi di Giotto che illustrano in 28 didascaline la vita di San Francesco d’Assisi.

Merita una sosta la Chiesa di Santa Chiara che venne eretta subito dopo la sua morte nel punto in cui sorgeva l’antica chiesa di San Giorgio dove erano custodite (fino al 1230) le spoglie di San Francesco): La chiesa in stile gotico coserva al suo interno il Crocefisso che, secondo la tradizione parlò a San Francesco, ospita affreschi di scuola umbra del Duecento e Trecento e nella cripta conserva una statua sarcofago con all’interno le ossa della Santa.

Salite fin sopra la Rocca Maggiore che da secoli protegge la cittadina medievale di Assisi e che si trova dove un tempo sorgeva un castello, distrutto durante una rivolta popolare del 1198. La rocca infatti venne ricostruita nel 1365 dal cardinale Egidio Albornoz come punto di avvistamento. Nel punto più alto delle mura, raggiungete il Maschio, da cui si gode un panorama incredbile sulla Valle Umbra, da cui si possono scorgere Perugia e Spoleto.

Nel cuore di Assisi, in Piazza del Comune, il Tempio della Minerva di Assisi catturerà la vostra attenzione. È un inno al mondo antico; il monumento costruito durante il I secolo, è perfettamente conservato e oggi ospita la Chiesa di Santa Maria sopra Minerva. Ghoethe quando nel suo Viaggio in Italia, ammirò il tempio ne restò affascinato, perché si trovò davanti il primo monumento integro dell’antichità che avesse mai visto. In piazza non perdete la Torre del Popolo, il Palazzo dei Priori sede del comune di Assisi e sul lato orientale della piazza, non potrete non notare la fontana monumentale circondata da balaustri.

Scopri anche…